Perché non aver paura della Cina?

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Sulla Cina e la sua aggressività commerciale, sul pericolo che rappresenta per le piccole imprese italiane e per l'economia europea si è detto tutto e il contrario di tutto.C'è chi sottolinea il rischio di una penetrazione commerciale profonda in Europa e in Italia, della concorrenza sleale, dello sfruttamento del lavoro e chi invece cerca di sfumare possibili contrasti.In questo scenario, che cosa dire alla singola impresa che, sulle orme di Marco Polo, vuole costruire nuove strade per i suoi commerci e le sue produzioni?Questo libro è un tentativo di risposta che prende le mosse dall'esperienza che, da anni, l'autore vive all'interno di Compagnia delle Opere: dal punto di vista delle istituzioni, proponendo una collaborazione competitiva che appoggi l'entrata del grande paese asiatico nel WTO e ne stabilizzi lo sviluppo; dal punto di vista imprenditoriale, proponendo il modello della realtà italiana che, a partire da una forte idealità educata in una tradizione, è stata capace negli ultimi 50 anni di creare modelli (distretti industriali, consorzi export e gruppi di piccole e medie imprese) il cui valore è riconosciuto in tutto il mondo.In questa prospettiva, ecco un manuale facile all'uso ma rigoroso, che offre suggerimenti sulle strade da percorrere, sulle piste da scegliere e da evitare.Un quadro esaustivo dello scenario internazionale costruito attraverso la testimonianza dei protagonisti e un'analisi degli aspetti economici e di quelli tecnici, legali e giuridici: un vademecum ad uso di un nuovo mondo imprenditoriale, che colma evidenti lacune di informazione, ricco di spunti innovativi sia nelle impostazioni di fondo, sia nei singoli aspetti operativi.Di questo libro esiste anche una versione trilingue in Italiano, Inglese e Cinese.

Sulla Cina e la sua aggressività commerciale, sul pericolo che rappresenta per le piccole imprese italiane e per l'economia europea si è detto tutto e il contrario di tutto.C'è chi sottolinea il rischio di una penetrazione commerciale profonda in Europa e in Italia, della concorrenza sleale, dello sfruttamento del lavoro e chi invece cerca di sfumare possibili contrasti.In questo scenario, che cosa dire alla singola impresa che, sulle orme di Marco Polo, vuole costruire nuove strade per i suoi commerci e le sue produzioni?Questo libro è un tentativo di risposta che prende le mosse dall'esperienza che, da anni, l'autore vive all'interno di Compagnia delle Opere: dal punto di vista delle istituzioni, proponendo una collaborazione competitiva che appoggi l'entrata del grande paese asiatico nel WTO e ne stabilizzi lo sviluppo; dal punto di vista imprenditoriale, proponendo il modello della realtà italiana che, a partire da una forte idealità educata in una tradizione, è stata capace negli ultimi 50 anni di creare modelli (distretti industriali, consorzi export e gruppi di piccole e medie imprese) il cui valore è riconosciuto in tutto il mondo.In questa prospettiva, ecco un manuale facile all'uso ma rigoroso, che offre suggerimenti sulle strade da percorrere, sulle piste da scegliere e da evitare.Un quadro esaustivo dello scenario internazionale costruito attraverso la testimonianza dei protagonisti e un'analisi degli aspetti economici e di quelli tecnici, legali e giuridici: un vademecum ad uso di un nuovo mondo imprenditoriale, che colma evidenti lacune di informazione, ricco di spunti innovativi sia nelle impostazioni di fondo, sia nei singoli aspetti operativi.Di questo libro esiste anche una versione trilingue in Italiano, Inglese e Cinese.

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli Etas
    • Collana: ECONOMIA E STORIA ECONOMICA
    • Prezzo: 9.00 €
    • Pagine: 128
    • Formato libro: 0 x 0
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788845309977

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...