Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Politiche pubbliche per le comunicazioni

Stefano Rolando

Rizzoli ETAS
Copertina di: Politiche pubbliche per le comunicazioni

Prima e dopo le leggi, agiscono le politiche. Orientamenti e negoziati che impegnano istituzioni, soggetti associativi e di impresa; che attraversano ambiti di analisi, di dibattito e ricerca; che sono rappresentati e commentati dai media, fino a diventare il tessuto connettivo tra norma e norma, tra scelta e scelta. Una riflessione sulle politiche pubbliche riguardanti il sistema complessivo delle comunicazioni, una delle maggiori economie planetarie, tra situazione italiana e quadro comunitario, assume oggi un rilievo particolare se pensiamo alla transizione che tale sistema sta attraversando. Il testo è risultato dall?impegno di un team che ha cercato di approfondire l?ampio perimetro del settore delle comunicazioni ponendo al centro della riflessione soprattutto la dimensione del negoziato tra poteri. Sia nell?ottica delle istituzioni preposte a svolgere competenze nel settore sia nell?ottica dei soggetti che interagiscono con esse, tenendo conto della molteplicità dei profili di analisi ? dagli aspetti giuridico-amministrativi alle dinamiche economiche, dalla sociologia dei media alle relazioni istituzionali e molto altro. Un tema che diventa così non solo cultura professionale ? per tutti coloro che operano nel settore delle comunicazioni ? ma anche segmento disciplinare, per alimentare in modo aggiornato i percorsi formativi. Il curatore:Stefano Rolando è professore di ruolo all?Università IULM di Milano, nel raggruppamento di Economia e gestione delle imprese, dove insegna Politiche pubbliche per le comunicazioni e Teoria e tecniche della comunicazione pubblica. È segretario generale di Fondazione Università IULM (ricerca applicata e formazione) e membro del Consiglio superiore delle Comunicazioni. È stato manager in istituzioni e imprese tra cui, nel campo delle comunicazioni, la Presidenza del Consiglio dei Ministri (dieci anni come capo Dipartimento Informazione ed Editoria), RAI e Olivetti (come dirigente) e Istituto Luce (come direttore generale).

Libri Correlati

vedi tutti