Psicologia per manager

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


Nell?ambito delle ricerche e degli studi sulla psicologia aziendale e sulla leadership, Psicologia per manager costituisce un punto di riferimento, un?opera classica proposta da un profondo conoscitore della psicologia di individui, gruppi e organizzazioni, adottata da anni con successo sia come testo universitario sia come guida alla soluzione dei problemi interpersonali in azienda.Secondo Leavitt, considerare gli individui e il loro comportamento è il requisito essenziale per imparare a ?guidare? meglio le persone. A tale scopo, il libro si apre occupandosi del singolo: perché conoscere le caratteristiche generali degli individui è un buon punto di partenza per lo studio del loro comportamento nell?organizzazione, ma anche perché il manager ? per risolvere i suoi problemi personali e di direzione ? deve conoscere meglio se stesso. Nella seconda parte l?attenzione si sposta dal singolare al plurale, dall?individuo ai rapporti fra più persone e agli sforzi di ciascuno per influenzare e cambiare il comportamento degli altri, ponendo l?accento sulla comunicazione. Nelle parti successive, in un crescendo di complessità, si passa prima all?analisi dei gruppi fino a venti persone, con i relativi aspetti di efficienza interna, e poi a quella dei gruppi ?da cento e mille e più ancora?, con i connessi problemi di progettazione organizzativa.Il volume è arricchito dalle esperienze personali di Leavitt maturate nel corso della sua attività di consulente e fornisce quindi un contributo di prima mano, particolarmente valido per tutti coloro che operano nelle aziende e nelle organizzazioni complesse di ogni tipo.

Nell?ambito delle ricerche e degli studi sulla psicologia aziendale e sulla leadership, Psicologia per manager costituisce un punto di riferimento, un?opera classica proposta da un profondo conoscitore della psicologia di individui, gruppi e organizzazioni, adottata da anni con successo sia come testo universitario sia come guida alla soluzione dei problemi interpersonali in azienda.Secondo Leavitt, considerare gli individui e il loro comportamento è il requisito essenziale per imparare a ?guidare? meglio le persone. A tale scopo, il libro si apre occupandosi del singolo: perché conoscere le caratteristiche generali degli individui è un buon punto di partenza per lo studio del loro comportamento nell?organizzazione, ma anche perché il manager ? per risolvere i suoi problemi personali e di direzione ? deve conoscere meglio se stesso. Nella seconda parte l?attenzione si sposta dal singolare al plurale, dall?individuo ai rapporti fra più persone e agli sforzi di ciascuno per influenzare e cambiare il comportamento degli altri, ponendo l?accento sulla comunicazione. Nelle parti successive, in un crescendo di complessità, si passa prima all?analisi dei gruppi fino a venti persone, con i relativi aspetti di efficienza interna, e poi a quella dei gruppi ?da cento e mille e più ancora?, con i connessi problemi di progettazione organizzativa.Il volume è arricchito dalle esperienze personali di Leavitt maturate nel corso della sua attività di consulente e fornisce quindi un contributo di prima mano, particolarmente valido per tutti coloro che operano nelle aziende e nelle organizzazioni complesse di ogni tipo.

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli Etas
    • Collana: ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE
    • Prezzo: 24.00 €
    • Pagine: 336
    • Formato libro: 0 x 0
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788845301209

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...