Remix

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


La cultura del ?remix? è tra noi. Sono i navigatori (giovani ma non solo), che scaricano normalmente dal web e rielaborano a loro piacimento musica, testi, video, fotografie, dando vita a nuove opere creative, dentro e fuori dalla Rete. Sono le opere dell?ingegno che si riproducono confondendosi e generando nuova arte, utilizzando gli strumenti messi a disposizione dalla tecnologia. Ma è un?arte illegale, e molti dei creativi più talentuosi del nostro tempo sono criminali da perseguire in base alle leggi sul copyright, che non tengono conto delle nuove tecnologie digitali e vorrebbero disciplinare il download dei file allo stesso modo delle fotocopie di un libro. Ecco quindi che le ?guerre del copyright?, portate avanti negli ultimi anni a suon di cause milionarie e leggi repressive, diventano uno scontro tra due culture: da una parte le grandi major preoccupate di vedere andare in fumo i loro profitti e il loro modello di business e dall?altra la moltitudine degli Internauti ? spesso giovanissimi ? che intendono condividere liberamente il frutto della loro creatività. Di fronte ai due estremi ? tutto a pagamento o tutto gratis ?, Lawrence Lessig, giurista di fama internazionale e autorità mondiale in materia, mostra la necessità di cambiare approccio e propone un modello ?ibrido? che, attraverso gradi diversi di protezione della proprietà intellettuale, bilanci le esigenze dei creatori con il desiderio dei fruitori di impossessarsi dei prodotti artistici e culturali, ?remixarli? e farli circolare liberamente. Una soluzione che, oltre a garantire la sopravvivenza dell?industria culturale e degli artisti digitali, eviterebbe alle giovani generazioni di crescere con l?etichetta del ?pirata?. Perché è in gioco la libertà creativa, ma anche il rapporto dei nostri figli con la legge. Un testo autorevole e innovativo che, con Free di Chris Anderson, dà un contributo fondamentale al dibattito sul futuro della cultura e dell?economia in rete. Prefazione all?edizione italiana di J.C. De Martin, Creative Commons Italia L'autore:Lawrence Lessig professore di legge alla Harvard Law School, è considerato uno dei massimi esperti al mondo di proprietà intellettuale nell?era di Internet. Compagno di università e consulente di Barack Obama, ha appoggiato la sua candidatura ed è stato coinvolto nell?elaborazione del programma del neopresidente in tema di tecnologie e web. È fondatore e membro del board di Creative Commons, un?organizzazione non profit che offre ai creatori licenze per condividere le proprie opere secondo il modello ?alcuni diritti riservati?. Tra i suoi libri precedenti sono stati pubblicati in Italia: Il futuro delle idee (2006) e Cultura libera (2005).

La cultura del ?remix? è tra noi. Sono i navigatori (giovani ma non solo), che scaricano normalmente dal web e rielaborano a loro piacimento musica, testi, video, fotografie, dando vita a nuove opere creative, dentro e fuori dalla Rete. Sono le opere dell?ingegno che si riproducono confondendosi e generando nuova arte, utilizzando gli strumenti messi a disposizione dalla tecnologia. Ma è un?arte illegale, e molti dei creativi più talentuosi del nostro tempo sono criminali da perseguire in base alle leggi sul copyright, che non tengono conto delle nuove tecnologie digitali e vorrebbero disciplinare il download dei file allo stesso modo delle fotocopie di un libro. Ecco quindi che le ?guerre del copyright?, portate avanti negli ultimi anni a suon di cause milionarie e leggi repressive, diventano uno scontro tra due culture: da una parte le grandi major preoccupate di vedere andare in fumo i loro profitti e il loro modello di business e dall?altra la moltitudine degli Internauti ? spesso giovanissimi ? che intendono condividere liberamente il frutto della loro creatività. Di fronte ai due estremi ? tutto a pagamento o tutto gratis ?, Lawrence Lessig, giurista di fama internazionale e autorità mondiale in materia, mostra la necessità di cambiare approccio e propone un modello ?ibrido? che, attraverso gradi diversi di protezione della proprietà intellettuale, bilanci le esigenze dei creatori con il desiderio dei fruitori di impossessarsi dei prodotti artistici e culturali, ?remixarli? e farli circolare liberamente. Una soluzione che, oltre a garantire la sopravvivenza dell?industria culturale e degli artisti digitali, eviterebbe alle giovani generazioni di crescere con l?etichetta del ?pirata?. Perché è in gioco la libertà creativa, ma anche il rapporto dei nostri figli con la legge. Un testo autorevole e innovativo che, con Free di Chris Anderson, dà un contributo fondamentale al dibattito sul futuro della cultura e dell?economia in rete. Prefazione all?edizione italiana di J.C. De Martin, Creative Commons Italia L'autore:Lawrence Lessig professore di legge alla Harvard Law School, è considerato uno dei massimi esperti al mondo di proprietà intellettuale nell?era di Internet. Compagno di università e consulente di Barack Obama, ha appoggiato la sua candidatura ed è stato coinvolto nell?elaborazione del programma del neopresidente in tema di tecnologie e web. È fondatore e membro del board di Creative Commons, un?organizzazione non profit che offre ai creatori licenze per condividere le proprie opere secondo il modello ?alcuni diritti riservati?. Tra i suoi libri precedenti sono stati pubblicati in Italia: Il futuro delle idee (2006) e Cultura libera (2005).

Commenti

Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli Etas
    • Genere e argomento: Marketing e Comunicazione
    • Collana: ECONOMIA E STORIA ECONOMICA
    • Prezzo: 22.00 €
    • Pagine: 320
    • Formato libro: 0 x 0
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788845315596

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...