Teoria dello sviluppo economico

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


“Leggere (o rileggere con occhi nuovi) una delle più importanti opere di Schumpeter all’inizio di questo XXI secolo, a distanza di tanti decenni dalla sua pubblicazione, - scrive Mario Talamona nella sua Presentazione - ha ovviamente una prima fondamentale ragione. Nato nel 1883 in Moravia, nell’impero austro-ungarico, morto nel 1950 negli Stati Uniti, nel Connecticut, dove era dal 1932 professore di Economia ad Harvard, Schumpeter è stato uno dei maggiori economisti nel senso moderno dell’espressione.” La Teoria dello sviluppo economico - scritta nel 1912, che qui ripresentiamo ai lettori italiani trent’anni dopo la prima edizione, unitamente alla lucida introduzione scritta allora da Paolo Sylos Labini - è la pietra angolare che regge la costruzione intellettuale e scientifica di Schumpeter. Ed è, proprio per questo, un’opera teorica: sebbene non nel senso di un sistema logicamente completo, formalizzabile con procedure matematiche in un modello analitico. “Questo libro - scrive ancora Talamona - delinea con audace grandiosità la ‘visione’ di un processo, cioè quella di uno sviluppo economico endogeno, formulata in termini teorici, non storici, come ‘analisi delle caratteristiche economiche della società capitalistica’. Teoria, dunque, e grande teoria.” Oggi, in tempi di cambiamenti accelerati, l’attualità di Schumpeter emerge soprattutto dal fatto che egli pose al centro della sua analisi il ruolo fondamentale dell’innovazione.

“Leggere (o rileggere con occhi nuovi) una delle più importanti opere di Schumpeter all’inizio di questo XXI secolo, a distanza di tanti decenni dalla sua pubblicazione, - scrive Mario Talamona nella sua Presentazione - ha ovviamente una prima fondamentale ragione. Nato nel 1883 in Moravia, nell’impero austro-ungarico, morto nel 1950 negli Stati Uniti, nel Connecticut, dove era dal 1932 professore di Economia ad Harvard, Schumpeter è stato uno dei maggiori economisti nel senso moderno dell’espressione.” La Teoria dello sviluppo economico - scritta nel 1912, che qui ripresentiamo ai lettori italiani trent’anni dopo la prima edizione, unitamente alla lucida introduzione scritta allora da Paolo Sylos Labini - è la pietra angolare che regge la costruzione intellettuale e scientifica di Schumpeter. Ed è, proprio per questo, un’opera teorica: sebbene non nel senso di un sistema logicamente completo, formalizzabile con procedure matematiche in un modello analitico. “Questo libro - scrive ancora Talamona - delinea con audace grandiosità la ‘visione’ di un processo, cioè quella di uno sviluppo economico endogeno, formulata in termini teorici, non storici, come ‘analisi delle caratteristiche economiche della società capitalistica’. Teoria, dunque, e grande teoria.” Oggi, in tempi di cambiamenti accelerati, l’attualità di Schumpeter emerge soprattutto dal fatto che egli pose al centro della sua analisi il ruolo fondamentale dell’innovazione.

Commenti

Autore


  • Joseph Alois Schumpeter

    (1883-1950), economista, ma anche sociologo e storico del pensiero politico e sociale, fu professore di Economia a Czernowitz, a Graz, a Bonn e, dal 1932, ad Harvard. Dopo la prima guerra mondiale, fu [...]


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli Etas
    • Collana: MANAGEMENT
    • Prezzo: 18.00 €
    • Pagine: 368
    • Formato libro: 21 x 14
    • Tipologia: BROSSURA
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817070232

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...