Un miliardo di amici (e qualche nemico)

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Loading ...


?Facebook non è nato originariamente per essere un?azienda. È stato costruito per compiere una missione sociale: rendere il mondo più aperto e interconnesso?, ha detto Mark Zuckerberg agli investitori in occasione del debutto in Borsa, a febbraio 2012. Oggi sappiamo che l?operazione non è stata un successo, ma l?opinione del fondatore non appare cambiata. In questo ritratto di Facebook e del ?billionaire boy? che l?ha creato, attraverso le parole di quest?ultimo e le opinioni di un selezionato numero di ?commentatori? (amici, colleghi, critici, insider, ammiratori ma anche detrattori), George Beahm, giornalista e scrittore di business, si impegna a fornire diverse prospettive su di lui e il social network più usato al mondo, con particolari dall?interno, strategie di business e ?lezioni apprese?. Dagli inizi ad Harvard ai rapporti, a volte turbolenti, con i soci; dai modelli ispiratori ? primo tra tutti Steve Jobs ? alle contraddizioni sulla privacy, fino allo ?stile hacker? che ispira l?innovazione continua in azienda, il libro è una lettura agile e incisiva per comprendere l?anticonformista con la felpa al quale tutti abbiamo affidato le informazioni più personali (e qualcuno anche il proprio denaro). Non avevo mai conosciuto nessuno capace di rifiutare un miliardo di dollari. Ma lui mi ha detto: ?Non è una questione di soldi. Questo è il mio bambino, e voglio continuare a gestirlo, voglio farlo crescere?. Non riuscivo a crederci. Terry Semel, ex CEO di Yahoo! Il curatore: George Beahm, scrittore e saggista, è autore e curatore di più di 30 libri in tema di business, tra i quali il bestseller Siate affamati. Siate folli. Steve Jobs in parole sue (Rizzoli-Etas 2011).

?Facebook non è nato originariamente per essere un?azienda. È stato costruito per compiere una missione sociale: rendere il mondo più aperto e interconnesso?, ha detto Mark Zuckerberg agli investitori in occasione del debutto in Borsa, a febbraio 2012. Oggi sappiamo che l?operazione non è stata un successo, ma l?opinione del fondatore non appare cambiata. In questo ritratto di Facebook e del ?billionaire boy? che l?ha creato, attraverso le parole di quest?ultimo e le opinioni di un selezionato numero di ?commentatori? (amici, colleghi, critici, insider, ammiratori ma anche detrattori), George Beahm, giornalista e scrittore di business, si impegna a fornire diverse prospettive su di lui e il social network più usato al mondo, con particolari dall?interno, strategie di business e ?lezioni apprese?. Dagli inizi ad Harvard ai rapporti, a volte turbolenti, con i soci; dai modelli ispiratori ? primo tra tutti Steve Jobs ? alle contraddizioni sulla privacy, fino allo ?stile hacker? che ispira l?innovazione continua in azienda, il libro è una lettura agile e incisiva per comprendere l?anticonformista con la felpa al quale tutti abbiamo affidato le informazioni più personali (e qualcuno anche il proprio denaro). Non avevo mai conosciuto nessuno capace di rifiutare un miliardo di dollari. Ma lui mi ha detto: ?Non è una questione di soldi. Questo è il mio bambino, e voglio continuare a gestirlo, voglio farlo crescere?. Non riuscivo a crederci. Terry Semel, ex CEO di Yahoo! Il curatore: George Beahm, scrittore e saggista, è autore e curatore di più di 30 libri in tema di business, tra i quali il bestseller Siate affamati. Siate folli. Steve Jobs in parole sue (Rizzoli-Etas 2011).

Commenti

Autore


  • George (a cura di) Beahm

    scrittore e saggista, è autore di più di 30 libri, in particolare in tema di business, tra i quali il bestseller Siate affamati. Siate folli. Steve Jobs in parole sue (Rizzoli-Etas 2001, Bur 2012).


Caratteristiche


    • Marchio: Rizzoli Etas
    • Genere e argomento: Management e Strategia
    • Collana: MANAGEMENT
    • Prezzo: 16.00 €
    • Pagine: 198
    • Formato libro: 21 x 14
    • Tipologia: CARTONATO
    • Data di uscita:
    • ISBN carta: 9788817062602
    • ISBN E-book: 9788858644041

Loading...
corner-top

Dai una tua valutazione

Ti fa sentire:

Condividi su Facebook la tua valutazione

Questo libro mi fa sentire

Lo voglio leggere

Il caso di Harry Quebert

Joel Dicker



Loading...